Tag: licenza dj


LA GEMA ADOTTA LA LICENZA DJLA GEMA ADOTTA LA LICENZA DJ

By federi picc,

Dopo 5 anni dalla messa a punto della licenza copie lavoro del Dj da parte della SIAE, anche la consorella tedesca GEMA ha annunciato ieri, con un comunicato stampa, il lancio della medesima licenza, le cui tariffe entreranno in vigore il prossimo mese.

Dalle notizie sinora divulgate, il costo della licenza è pari a € 125,00 per l’intero repertorio; il costo, invece, per ogni singolo file oggetto di copia lavoro è pari al € 0,13.

Anche lo schema negoziale sembra essere sostanzialmente lo stesso di quello italiano, il compenso è dovuto non ai fini della riproduzione del back up, bensì per l’utilizzo del repertorio in pubblico.

I membri dell’Associazione Nazionale di organizzatori di eventi musicali (BVMV) e l’Associazione Professionale di Disc Jockey (AAD) che hanno concluso l’accordo generale con la GEMA avranno uno sconto del 20% sulla tariffa.

http://de-bug.de/musik/10423.htmlDopo 5 anni dalla messa a punto della licenza copie lavoro del Dj da parte della SIAE, anche la consorella tedesca GEMA ha annunciato ieri, con un comunicato stampa, il lancio della medesima licenza, le cui tariffe entreranno in vigore il prossimo mese.

Dalle notizie sinora divulgate, il costo della licenza è pari a € 125,00 per l’intero repertorio; il costo, invece, per ogni singolo file oggetto di copia lavoro è pari al € 0,13.

Anche lo schema negoziale sembra essere sostanzialmente lo stesso di quello italiano, il compenso è dovuto non ai fini della riproduzione del back up, bensì per l’utilizzo del repertorio in pubblico.

I membri dell’Associazione Nazionale di organizzatori di eventi musicali (BVMV) e l’Associazione Professionale di Disc Jockey (AAD) che hanno concluso l’accordo generale con la GEMA avranno uno sconto del 20% sulla tariffa.

http://de-bug.de/musik/10423.html

 

Quando il giornalismo è disinformazione

By federi picc,

Leggo con stupore un articolo pubblicato ieri da DjMag a firma di Carlo Di Gaetano.

L’articolo contiene una serie di imprecisioni e false affermazioni che riconducono la nascita della licenza Dj ad un semplice bisogno di recupero budget da parte della Siae, non tenendo in assoluta considerazione l’attività delle associazioni rappresentative dei Dj, quali A-Dj, che da ormai diversi anni si impegnano per garantire ai propri associati la possibilità di svolgere legalmente la loro professione.

Personalmente ricordo di essere stata coinvolta da oltre dieci anni in quest’avventura, proprio a seguito delle istanze che diversi Dj mi hanno sottoposto, che mi chiedevano come poter svolgere regolarmente la propria professione ed evitare di essere coinvolti in procedimenti penali costosi e penosi per aver semplicemente riversato su un diverso supporto le canzoni da loro legittimamente acquistate.

Mi meraviglia che una testata di settore quale DjMag non abbia tra i suoi dipendenti persone che abbiano il benchè minimo scrupolo di informarsi prima di fornire informazioni errate e che potrebbero portare i Dj a porre delle attività illegali e contro il proprio interesse.

Ma ancora di più mi meraviglia il fatto che nei mesi passati sono stata contattata da un altro redattore della stessa testata giornalistica a cui ho risposto dettagliatamente alle domande postemi in tema di Licenza DJ e alle quali ho oculatamente spiegato tutte le motivazioni legali per le quali si è arrivati alla stesura di una licenza.

Mi chiedo: ma dove andremo a finire se chi è pagato per fornire informazioni in realtà disinforma?

Piuttosto avete letto questo articolo?

Deborah De Angelis, Presidente A-Dj

Prorogato l’accordo sulla Licenza DJ

By Francesca Sulis,

Prorogato l’accordo sulla Licenza DJ

La SIAE e le Associazioni rappresentative dei DJ: A-DJ, AID, AMPAD, ASSODEEJAY dii ASSOARTISTI hanno siglato la proroga fino al 30.06.2010 dell’accordo sulla licenza “Copie-Lavoro) realizzate dai DJ risalente al 2 Dicembre 2008. I risultati dell’anno di sperimentazione della innovativa licenza per i DJ sono stati valutati molto soddisfacenti e la proroga dell’accordo fino al 30Giugno del corrente anno ha natura esclusivamente tecnica, essendo motivata dall’opportunità di valutare gli esiti di un tavolo parallelo di trattativa aperto tra le medesime Assoiazioni di DJ e le associazioni dei Produttori Fonografici e finalizzato alla regolamentazione delle riproduzioni ad uso lavoro anche sotto il profilo dei diritti connessi dei produttori discografici.

Il testoo della licenza “Copie-Lavoro) è stato lievemente revisionato per apportare integrazioni e precisazioni di natura formale e per recepire i contenuti del nuovo Regolamento che disciplina il contrassegno da apporre sui supporti approvato con DPCM n31 lo scorso 23 Febbraio 2009.

Nel frattempo sono iniziati i primi rinnovi annuali delle licenze in scadenza, gestiti con una nuova procedura integralmente on line attraverso i servizi del sito www.siae.it .

Si rammenta che il nuovo Regolamento di disciplina del Contrassegno SIAE, approvato con Decreto del Presidente dell consiglio dei Ministri 23.02.2009 n°31, prevede l’esenzione dalll’obbligo di apposizione del contrassegno SIAE per i supporti di Lavoro realizzati dai DJ Solo sequesti sono muniti della specifica autorizzazione della SIAE e che la riproduzione Abusiva di copie di registrazioni fonografiche contenenti opere protette dal diritto d’autore è punita con le sanzioni penali e amministrative previsti dagli articoli 171,171-tere 174-bis della Legge speciale sul diritto d’autore n.633 del 22.04.1941 e sucessive modificazioni in quanto applicabili.

Nell 2010 saranno intensificati e pianificati i controlli mirati nei locali di spettacolo e intrattenimento sul territorio finalizzati alla emersione e contrasto delle attività di uso abusivo di riproduzione da parte di DJ non autorizzati. Sotto questo profilo già notevoli risultati sono stati conseguiti grazie alla collaborazione con le Forze dell’ordine che verrà ulteriolmente intensificata nel corso del 2010.

SIAE